Saggi e contributi scientifici

Note sulla riforma costituzionale


Abstract


Presto gli italiani saranno chiamati a votare un referendum costituzionale per approvare o respingere la riforma della Costituzione il cui iter parlamentare si è concluso il 12 aprile 2016 con la seconda e decisiva deliberazione della Camera.

L’ampia riforma costituzionale, varata a maggioranza assoluta (ma non dei 2/3 del Parlamento, evenienza che avrebbe “svincolato” la riforma dal referendum confermativo), con diversa incisività, riscrive, integra o modifica ben 47 articoli della Costituzione vigente.

Il superamento del bicameralismo perfetto e la soppressione delle Province sono stati proposti come i due principali pilastri della “rivoluzione” ordinamentale, sui quali i promotori della riforma fanno affidamento per dragare consensi dall’opinione pubblica, mentre i soli addetti ai lavori sono stati interessati di quegli aspetti organizzativi e funzionali che invece, più di altri, influenzeranno la vita politica italiana dei prossimi anni.


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici





I contenuti redazionali di questo sito sono distribuiti con una licenza Creative Commons, Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia (CC BY-SA 3.0 IT) eccetto dove diversamente specificato. Diretta da G. Terracciano, G. Mazzei, J. Espartero Casado. Direttore Responsabile: G. Caputi. Redazione: G. Iacovino, C. Rizzo. Iscritta al N. 16/2009 del Reg. stampa del Tribunale di Roma - ISSN 2036-7821