Saggi e contributi scientifici

Le progressioni di carriera ed economiche del pubblico impiego privatizzato nella riforma “Brunetta”


Abstract


SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Il principio dell'accesso concorsuale. 3. La disciplina pattizia delle progressioni interne: una indebita espropriazione della legge. 4. La novella dell’articolo 52 del decreto legislativo n. 165 del 2001 ed il nuovo regime delle progressioni nel rapporto di pubblico impiego privatizzato. 5. La nuova disciplina in tema di progressioni economiche. 6. Le progressioni verticali. 


1. Premessa. 
Per effetto della riforma organica della disciplina del rapporto di lavoro dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche, introdotta dal decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, con il quale il legislatore delegato ha conferito attuazione alla legge 4 marzo 2009, n. 15 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle Pubbliche Amministrazioni, si è provveduto non solo a ridisegnare, con incidenza più o meno accentuata sui singoli istituti, l’intero quadro normativo vigente in materia di contrattazione collettiva, di valutazione delle strutture e del personale delle amministrazioni pubbliche, di valorizzazione del merito, di promozione delle pari opportunità, di dirigenza pubblica e di responsabilità disciplinare, ma anche a ridefinire i principi e la disciplina delle c.d. progressioni orizzontali e verticali.

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici





I contenuti redazionali di questo sito sono distribuiti con una licenza Creative Commons, Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia (CC BY-SA 3.0 IT) eccetto dove diversamente specificato. Diretta da G. Terracciano, G. Mazzei, J. Espartero Casado. Direttore Responsabile: G. Caputi. Redazione: G. Iacovino, C. Rizzo. Iscritta al N. 16/2009 del Reg. stampa del Tribunale di Roma - ISSN 2036-7821