Saggi e contributi scientifici

AUTONOMIA DEL VIZIO DI INCOMPETENZA E CLAUSOLE DI "NON ANNULLABILITÀ"


Abstract


SOMMARIO: 1. Il quadro teorico di riferimento. – 2. Alcuni spunti problematici sollevati dall’ipotesi della dequotazione del vizio di incompetenza. – 3. L’applicazione dell’art. 21-octies al vizio di incompetenza nella (controversa) lettura della giurisprudenza. – 4. Quale equilibrio? 


1. Il quadro teorico di riferimento. 
Ci si propone, nelle note che seguono, di verificare in che modo la giurisprudenza abbia affrontato la questione della applicabilità al vizio di incompetenza delle clausole di non annullabilità, introdotte dal legislatore nel 2005. 
In dottrina, il rapporto tra il secondo comma dell’art. 21-octies ed vizio di incompetenza ha, in verità, suscitato minore attenzione rispetto al rilievo assunto dalla non annullabilità derivante dalla violazione delle norme sulla partecipazione e sull’obbligo di motivazione . 
Numerosi sono gli spunti problematici che si presentano all’interprete nell’accostarsi al tema.

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici





I contenuti redazionali di questo sito sono distribuiti con una licenza Creative Commons, Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia (CC BY-SA 3.0 IT) eccetto dove diversamente specificato. Diretta da G. Terracciano, G. Mazzei, J. Espartero Casado. Direttore Responsabile: G. Caputi. Redazione: G. Iacovino, C. Rizzo. Iscritta al N. 16/2009 del Reg. stampa del Tribunale di Roma - ISSN 2036-7821