Saggi e contributi scientifici

Sussidiarietà e federalismo tra questione fiscale, democrazia sostanziale e politiche sociali


Abstract


1. Introduzione; 2. Federalismo e sussidiarietà fiscale; 3. Il concetto di Welfare state tra diritto ed economia, tra pubblico e privato; 4. L’analisi delle politiche sociali tra spinte al liberalismo e freni al dirigismo; 5. Conclusioni. 


1.Introduzione. 
Nell’ambito di recenti studi sul federalismo e sulla sussidiarietà , raramente è stato condotto uno studio approfondito che ne voglia definire i reciproci rapporti, a favore di un’interpretazione che non sia dogmatica ma descrittiva, tenuto conto che l’ottica federalista, anche con riguardo alla sussidiarietà, è dinamica, non statica, storicizzata e relativistica. 
Esiste, tuttavia, un nucleo nel concetto di federalismo, che lo connette alla sussidiarietà, in quanto non si tratta soltanto di una mera suddivisione del potere, ma anche di un richiamo al pluralismo democratico ed istituzionale. Qualsiasi definizione di federalismo, incentrato su un’opera di ingegneria costituzionale, non rappresenta bene il collegamento con i cittadini e con gruppi di cittadini. 
In altri termini, il federalismo non deve divenire una sovrastruttura ma, invece, interagire con quel pluralismo che gli artt. 2 e 5 della nostra Costituzione hanno collegato all’assetto istituzionale del nostro Stato, che non è ancora federale, ma che conosce la valorizzazione delle Regioni e dei Comuni . 
La teorizzazione del federalismo non consiste nella struttura costituzionale, ma nella società stessa. Lo Stato federale è uno strumentum tramite il quale i caratteri federali della società si articolano e trovano protezione.

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici





I contenuti redazionali di questo sito sono distribuiti con una licenza Creative Commons, Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia (CC BY-SA 3.0 IT) eccetto dove diversamente specificato. Diretta da G. Terracciano, G. Mazzei, J. Espartero Casado. Direttore Responsabile: M. Cardilli. Redazione: G. Iacovino, C. Rizzo. Iscritta al N. 16/2009 del Reg. stampa del Tribunale di Roma